Giovanni Allevi

Piano Solo Tour 2015

SCOPRI COMO – a cura di Touring Editore

La città di Como si presenta incastonata fra il monte di Brunate e il lago Lario, e ciò offre immediatamente al visitatore panorami naturalistici mozzafiato. Una passeggiata sul lungolago o una pausa ristorativa in una delle tante caffetterie che lo popolano sono un must per chiunque visiti la città per la prima volta e voglia godersi in relax la placida atmosfera lacustre.

 

I consigli Touring:

VEDERE a Como

MANGIARE a Como

DORMIRE a Como

FARE a Como

CARTE E GUIDE di Como

Aperti per Voi – Como

 

La città di Como

Passeggiando per il centro storico, il primo sito d’interesse culturale è dato dal complesso della piazza con il Duomo e il Broletto, splendido edificio in stile romanico-gotico. Tra gli altri luoghi di culto da rilevare, proseguendo per le strade selciate del centro, accompagnate da vetrine elegantissime, si raggiunge la singolare, suggestiva chiesa di S. Fedele e, appena fuori porta, la chiesa di S. Abbondio, capolavoro del romanico lombardo.
Sul lungolago spicca il Tempio Voltiano, dedicato ad Alessandro Volta, mentre una menzione particolare merita la ex Casa del Fascio di Giuseppe Terragni, caposcuola del Razionalismo italiano. Risalendo la sponda occidentale del lago, si trova villa Olmo, grandiosa dimora neoclassica, oggi adibita a sede espositiva all’interno del circuito museale Grandi Mostre Como. Gradevolissimo è pure il petit tour del primo bacino, offerto dai tipici battelli della navigazione lacuale.
Quanto allo shopping, protagonista è la seta, lavorata a livelli d’eccellenza assoluta. Questa e altri prodotti di qualità possono essere acquistati nei vari negozi situati all’interno dell’isola pedonale, ideale per fare quattro passi con il massimo della calma. Nel cuore del centro storico si svolge anche la vita notturna: numerosi sono i locali e bar che si animano sul far della sera, rispondendo alla richieste soprattutto dei più giovani.
La vicinanza del lago permea di sé anche la tradizione culinaria comasca, ricca e che presenta una grande varietà di specialità tipiche. Da provare, anzitutto, è il risotto con filetti di pesce persico, ricetta cardine della cultura gastronomica locale; non da meno sono i cosiddetti ‘misultitt’, ossia agoni pescati, essiccati al sole e poi proposti come antipasti o, con polenta, come secondo; come dessert, infine, è da segnalare la classica Resta di Como, con frutta secca, canditi e un rametto di ulivo all’interno dell’impasto, ad augurare felicità e buona sorte.