Giovanni Allevi

Piano Solo Tour 2015

SCOPRI RAVENNA – a cura di Touring Editore

Ravenna è stata la capitale dell’Impero Romano d’Occidente, del Regno degli Ostrogoti e dell’Impero di Bisanzio in Europa e ognuno di questi importanti  momenti storici è ancora oggi visibile nei mosaici dei monumenti paleocristiani e bizantini che l’Unesco ha inserito nella lista dei Patrimoni dell’Umanità: la Basilica di S. Apollinare in Classe, la Basilica di S. Apollinare Nuovo, la Basilica di S. Vitale, il Battistero Neoniano, il Battistero degli Ariani, il Mausoleo di Galla Placidia e infine il Mausoleo di Teodorico e la Cappella di S. Andrea.

 

I consigli Touring:

VEDERE a Ravenna

MANGIARE a Ravenna

DORMIRE a Ravenna

FARE a Ravenna

CARTE E GUIDE di Ravenna

 

La città di Ravenna

La ricchezza artistica di questa città è inesauribile e non si sbaglia se si descrive Ravenna come una sorta di città-museo, un luogo in cui intraprendere un viaggio alla scoperta del mosaico in tutte le sue forme espressive, dall’età antica a quella contemporanea, tanto è varia la sua proposta culturale e artistica.
Ci sono ancora il MAR-Museo d’Arte della Città di Ravenna, il Museo nazionale con la ricca raccolta di reperti romani e bizantini, e il Museo Arcivescovile con la Cappella di S. Andrea.
Chi ama Dante scoprirà invece il volto medievale di questa città visitando, nella Basilica di S. Francesco, la sua tomba, prima sepoltura appunto del Sommo Poeta esule a Ravenna dal 1317 al 1321.
Tra i motivi di soggiorno in questa località non c’è solo il patrimonio storico-culturale. A richiamare sempre più turisti ci sono importanti festival musicali, la tradizionale ospitalità romagnola, ma anche il mare e il verde.
Appena fuori dai confini cittadini, a circa 13 chilometri, c’è Marina di Ravenna, la località balneare di riferimento per la città e soprattutto per i più giovani che vi recano anche per l’apertivo; poi c’è Mirabilandia per una giornata divertente con gli amici; ci sono, per gli amanti della natura e delle passeggiate, le storiche pinete di San Vitale e di Classe, veri e propri monumenti naturali, inserite tra le aree protette del Parco regionale del Delta del Po.